Incubatori Startup: fondamenta per l’innovazione aziendale

  • News
Gli incubatori startup rappresentano un pilastro essenziale nell’ecosistema dell’innovazione aziendale, fornendo sostegno, risorse e opportunità cruciali per il successo e lo sviluppo delle nuove imprese emergenti. L’Italia vanta un vivace e dinamico ecosistema di incubatori e acceleratori, fondamentali per sostenere la crescita e lo sviluppo delle startup nel paese.

Il recente report del Social Innovation Monitor (SIM) dell’Università di Torino fornisce una dettagliata mappatura delle attività di incubazione e accelerazione delle startup a livello nazionale. In Italia, sono attivi 262 incubatori certificati, concentrati principalmente nel settentrione del paese, con la Lombardia in testa seguita dall’Emilia-Romagna e dal Lazio.

Distribuzione geografica e tendenze

Il 55% degli incubatori si trova nel nord Italia, mentre il 65% è stato istituito negli ultimi dieci anni, con un picco tra il 2013 e il 2016 e un altro nel 2021, probabilmente in risposta a specifici decreti.

Il ruolo degli incubatori startup

Secondo il report SIM, gli incubatori e acceleratori hanno sostenuto 2.850 startup, generando oltre 500 M€ di fatturato. Il Vicedirettore della ricerca, Davide Moro, sottolinea che questi enti offrono valore aggiunto non solo attraverso l’incubazione diretta, ma anche con attività accessorie come partecipazione a progetti, gestione di eventi e servizi di coworking. Gli incubatori startup giocano un ruolo cruciale nel supportare l’ecosistema imprenditoriale e nell’attrarre investimenti nelle fasi iniziali delle startup.

Verso l’innovazione sociale

Gli incubatori startup offrono servizi chiave come il supporto alle relazioni, l’accompagnamento manageriale e la ricerca di finanziamenti. Il rapporto evidenzia che oltre il 60% di essi supporta organizzazioni con impatto sociale o ambientale, mentre più della metà utilizza metodologie per misurare tale impatto. I settori più rappresentati sono salute, benessere e sviluppo della comunità. Tuttavia, i risultati sottolineano una mancanza di parità di genere nell’ecosistema.